Contact us at +39 0438 9110 or lainox@lainox.it
Moreno Picchietti
Executive Chef, Hotel Royal di Sanremo

Ci racconti un po’ di lei
Ho lavorato in giro per il mondo, frequentando le più importanti strutture del panorama alberghiero.

Queste esperienze mi hanno permesso di guardare e conoscere la cucina a 360 gradi.
Sono partito dalla Maremma passando per Roma con un’esperienza in Inghilterra e Ucraina per poi servire il Royal del mio bagaglio trentennale.

Ci parli un po’ del suo lavoro nella cucina di un così prestigioso hotel
Sicuramente motivo di orgoglio e grinta.

Man mano che si raggiungono traguardi, si trovano dei motivi di crescita: ogni traguardo è un nuovo punto di partenza e io posso confermare di continuare a crescere ancora oggi.
Andando avanti e lavorando in strutture sempre più prestigiose, si creano sfide sempre più difficili e risultati sempre più alti da ottenere.

Mi reputo fortunato perché non mi annoio mai e per non aver perso la curiosità del primo giorno in cui ho messo piede in cucina. Devo dire che tutto questo è sicuramente frutto di una grande passione per la cucina ma anche delle strutture, come hotel ristoranti ecc., che hanno voglia di migliorarsi dando così, anche a noi chef, delle ottime opportunità di crescita.

Perché avete scelto Naboo per la vostra cucina?
Naboo rappresenta la massima tecnologia che si può avere in cucina, come detto prima, non si smette mai di crescere …. Con Naboo posso testare quanto sia facile fidarsi delle cotture automatiche, della facilità con cui si possono creare nuove ricette personali.

Ne avevamo sentito parlare e ci siamo convinti subito.

Quali sono i vantaggi che Naboo ha portato?
Sicuramente abbiamo ridotto il tempo dedicato all’impostazione delle varie cotture, siamo più tranquilli perché Naboo ci avverte ogni volta che è necessario intervenire: dall’apertura della porta per inserire la pietanza, al cambio fase in una determinata ricetta ecc. ecc.

Ha creato delle sue ricette personali in Naboo?
Assolutamente sì! Ho fatto in modo che il forno si adattasse completamente alla nostra cucina e ci sono riuscito.

Cosa ne pensa della nuova tecnologia in cucina?
Credo che tutto si muova, la stessa cucina è in movimento ed è giusto stare al passo con i tempi.

In base a quali criteri sceglie le attrezzature con cui lavorare?
L’esperienza di molti anni in cucina mi permette di valutare la credibilità dei marchi, le continue ricerche svolte ed infine il parere dei colleghi guidano la scelta, ma alla fine si rende necessaria una prova in cucina prima di acquistare una qualsiasi attrezzatura.

Come riesce a garantire la qualità del cibo che esce dalla vostra cucina?
Collaborando con persone di fiducia e con aziende che da sempre lavorano nell’eccellenza della ristorazione, senza dimenticare l’importanza delle tecnologie.

Lo scambio continuo di idee con i miei collaboratori su questo tema ci porta a trovare sempre nuove soluzioni da mettere in campo per garantire al nostro cliente la miglior qualità possibile.

Qual è il suo piatto preferito?
Sicuramente la Panzanella Toscana.

Vengo dalle montagne pistoiesi: cucina povera, sapori antichi che quando ritrovo mi portano indietro nel tempo. Ed è dai quei sapori che prendo spunto molto spesso per le mie ricette. 

Chi può cucinare per lei?
Solo ed esclusivamente la mia compagna che fa una cucina d’eccellenza.

Una gran cuoca, una gran mamma, compagna e donna.

Paolo
fornaio
TOP